Il Vesuvio e l'eruzione pliniana che distrusse Pompei.

Un fenomeno vulcanico durato 25 ore prendendo alla sprovvista gli abitanti per non aver dato importanza ad una fuoriuscita di lava alle pendici del vulcano.

Il monte Vesuvio.
Il Vesuvio visto dal castel dell' Ovo.
Il vulcano vesuvio visto dal piazzale san Martino (Vomero).
Il Vesuvio visto da Monte di Procida.
Il Vulcano Vesuvio visto dalla certosa di san Martino (Vomero).
Il vulcano monte Vesuvio visto da via Partenope.
Il vulcano Vesuvio visto dal belvedere di sant' Antonio.
Il sentiero verso il gran cono del Vesuvio.
Il sentiero del gran cono del vulcano Vesuvio.
Punto panoramico dal sentiero che porta al gran cono del Vesuvio.
Il punto panoramico dal Vesuvio.
Il sentiero per raggiungere il gran cono del vulcano Vesuvio.
Il sentiero per arrivare su al gran cono del vulcano Vesuvio.
Il sentiero del gran cono del monte Vesuvio.
Il vulcano Vesuvio
Il vesuvio.
Veduta dal vesuvio.
il vulcano Vesuvio.
Il Vesuvio.
Ultima parte del sentiero per raggiungere il gran cono.
Il cratere del Vulcano Vesuvio.
Il gran cono del Vesuvio.
Il vulcano Vesuvio: il gran cono.
Punto panoramico del Vesuvio.
Veduta su Napoli dal vulcano Vesuvio.
Il vulcano Vesuvio: Il gran cono.
Il gran cono del vulcano di Napoli
Il vulcano Vesuvio: il gran cono.
Panorama sul golfo di Napoli dal Vesuvio.
Vista dal gran cono del vulcano Vesuvio.
Il vulcano Vesuvio: il gran cono.
Punto panoramico dal gran cono del Vesuvio.
Panorama dal vulcano Vesuvio.
Il cratere del Vesuvio di Napoli.
Il cratere del vulcano Vesuvio.
Il vulcano Vesuvio: il cratere.
Punto panoramico dal monte Vesuvio.

Il Vulcano Vesuvio, tante foto e una breve storia delle sue eruzioni:

Dalla città di Napoli, guardando ad Est-sud-Est vediamo 2 grandi montagne: il complesso vulcanico Somma-Vesuvio. Ma tutti lo conoscono come il vulcano Vesuvio.

Alto 1281 metri, il Vesuvio, simbolo della città di Napoli, è tra i vulcani più famosi al mondo in quanto con l’eruzione Pliniana del 24 Agosto del 79 d.C. ha distrutto le colonie romane di Pompei, Ercolano, Stabia e Oplonti.

 

Come raggiungere il vulcano Vesuvio.

vulcano Vesuvio

 

L'eruzione Pliniana

Il vulcano Vesuvio distrusse la città di Pompeni, Ercolnao, Stabia e Oplontis nel 24 Agosto del 79 d.C.  con un fenomeno vulcanico durato 25 ore.

E' definita Eruzione Pliniana, perché l'evento è stato documentato in una lettera dello scrittore e magistrato romano detto Plinio il giovane indirizzata al senatore Publio Cornelio Tacito, nella quale c'era la descrizione di quest' evento nei minimi dettagli.
Il vulcano Vesuvio cominciò la sua attività Pliniana con un eruzione partita da una caldera situata nella parte bassa del monte e non dal cratere principale. Per questo motivo gli abitanti non ci diedero molta importanza e vennero presi alla sprovvista.
Il Vulcano Vesuvio con l'eruzione Pliniana distrusse la città di Pompei espellendo tanto materiale da provocare una pioggia di pomici, ceneri e lapilli che iniziarono a coprire le strade e quindi le vie di fuga.

Ercolano fu invece distrutta in un modo diverso: il vento portò gas roventi, ceneri e vapore acqueo che fece perdere la vita agli abitanti quasi all’istante.
L' eruzione Pliniana con i suoi materiali piroclastici espulsi dal vulcano Vesuvio ricoprirono le città di circa 10 metri.

Gli scavi di Ercolano cominciarono nel 1738 mentre quelli di Pompei nel 1748. Entrambi voluti da Carlo di Borbone, re di Napoli e re di Sicilia. I resti riportati alla luce sono esposti nel museo archeologico nazionale di Napoli.

 

Il Vulvano Vesuvio e le sue altre eruzioni

In seguito ci furono altre eruzioni: Nel 472, Nel 1036 (primo fenomeno con fuoriuscita di lava da più bocche anche sui fianchi della montagna facendo crescere la costa per circa 600 metri), nel 1500, nel 1631, nel 1861, nel 1906. L’ultima nel 1944.

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.