Castello di Baia e il Museo archeologico dei Campi Flegrei

Castello Aragonese di Baia, tante foto e un pò di storia di una fortezza che ospita, al suo interno, il museo archeologico dei Campi Flegrei.

Castello di Baia, la fortezza che domina l'intero golfo

castello aragonese di baia

Il Castello aragonese di Baia visto dal parco archeologico di Baia

Il castello aragonese di Baia, voluto dal re Alfonso II di Aragona nel 1495, la pagina web con tante foto e una breve storia dalla sua costruzione ad oggi.
Situato in una posizione strategica, il castello si trova a circa 50 metri sopra il livello del mare. Da qui, ancora oggi, domina tutta la costa e dalle mura le navi nemiche non potevano mai arrivare senza essere avvistate.

Museo archeologico dei Campi Flegrei nel castello di Baia

museo archeologico campi flegrei

Il museo archeologico dei Campi Flegrei all'interno del castello di Baia

Il museo archeologico dei Campi Flegrei è un esposizione permanente, all'interno del Castello aragonese di Baia, di reperti originali e di copie di tutto ciò che è stato ritrovato nei vari siti archeologici poco distanti dalla fortezza aragonese.  I luoghi dove sono stati rinvenuti i reperti esposti sono il sito archeologico di Cuma, l' Afiteatro Flavio di Pozzuoli,  il parco archeologico delle terme di Baia, il parco archeologico sommerso di Baia, il sito di Liternum (luogo in cui fu sepolto Scipione l'africano),  il rione terra (la città fantasma di Pozzuoli) ecc.

Il Castello di Baia, costruito sulla villa di Giulio Cesare

castello di baia

Il castello aragonese di Baia e il golfo di Pozzuoli visti da via bellavista

Il castello aragonese di Baia, probabilmente è stato costruito sopra la villa del grande Giulio Cesere.  Questo perché Publio Cornelio Tacito (storico romano) nei suoi scritti affermava che la villa del grande conquistatore romano si trovasse in alto e che dominava l'intero golfo di Baia. 

Museo archeologico dei Campi Flegrei, la fondazione nel 1984

museo archeologico campi flegrei

Il museo archeologico dei campi Flegrei nel castello aragonese di Baia

Il museo archeologico dei Campi Flegrei, all'interno del Castello aragonese di Baia, è nato nel 1984, quando la proprietà della fortezza passò alla soprintendenza archeologica di Napoli e di Caserta. I reperti, esposti, in tre diversi livelli, raccontano il passato di popoli che hanno conquistato e regnato in queste favolose terre.

Castello di Baia, l'indirizzo e il costo dei biglietti

Quanto costa il biglietto per il castello di Baia?

BIGLIETTO: € 4 
BIGLIETTO RIDOTTO: € 2 (cittadini dell' Unione Europea tra 18 e 25 anni)
BIGLIETTO CUMULATIVO CIRCUITO FLEGREO: € 8
BIGLIETTO CUMULATIVO CIRCUITO FLEGREO RIDOTTO: € 4 (cittadini dell' Unione Europea tra 18 e 25 anni)
Gratuito per i minori di 18 anni

Prenotazione obbligatoria clicca qui

 

Il biglietto Circuito Flegreo è valido due giorni e vi permette di visitare:

Le terme romane di Baia

- il castello Aragonese di Baia (con il museo archologico dei campi Flegrei)

- l' anfiteatro Flavio 

- gli scavi archeologici di Cuma
- tel: +39  081 523 3797

Orario e giorno di Chiusura del Castello Aragonese di Baia

Orario di Apertura 9.00 - 14.20 (Ultimo ingresso alle ore 13.00)
Chiuso il Lunedi

Per raggiungere in auto il parcheggio del castello di Baia

Il parcheggio si trova a soli 200 metri dall' ingresso...clicca sulla foto.

Come raggiungere il castello di Baia con i mezzi pubblici:

Da Napoli in BUS: Dallo stazionamento dei pullman in piazza Garibaldi (adiacente alla stazione centrale di Napoli) prendere uno dei Pullman che arrivano a Torregaveta o Monte di Procida. La fermata è "Bacoli - Via Risorgimento / Via Roma"  cheidere all' autista. Il tragitto dura circa 1 ora.
maggiori info qui.

Da Napoli in Treno: A Montesanto prendere la Cumana (direzione Torregaveta) scendere poi alla fermata Fusaro.  Recarsi in via Vanvitelli (2 minuti dalla stazione del Fusaro). E' la strada di fronte il parco borbonico, quello della casina vanvitelliana. Avendo di spalle il parco la fermata è la prima sulla destra. E' possibile acquistare i biglietti nel negozio Tabacchi Illiano.  Da qui prendere l' Archebus Flegreo e scendere al castello di Baia (chiedere all' autista). 

Storia del Castello aragonese di Baia

Il castello di Baia, dalla sua costruzione ad oggi

con tantissime foto del museo archeologico dei campi flegrei e dell'intera fortezza.
La storia del Castello è iniziata intorno al 1490, da quando il re di Napoli Alfonso II di Aragona ha voluto una nuova fortezza vicino la città di Napoli.  La costruzione è terminata dopo qualche anno: nel 1495 poco prima dell' invasione della Francia di Carlo VIII.
Dopo una cinquantina di anni c'è stata l'ultima grande eruzione dei Campi Flegrei che, nel 1538, portò alla nascita del monte nuovo: il vulcano più giovane di queste terre. 

A causa di questo fenomeno vulcanico Il castello subì notevoli danni e fu ristrutturato e modificato, arrivando ad avere quasi la forma che vediamo oggi.
Più che un castello è sempre stato utilizzato come una fortezza militare.

Nel 1734 Carlo di Borbone (Spagna), dopo vari scontri contro gli aragonesi per impossessarsi del regno di Napoli, danneggiò notevolmente il castello di Baia che fu ristrutturato dal nuovo sovrano.

Nel 1799 il castello aragonese di Baia resistette ai continui attacchi di flotte inglesi.

Dopo l'unità d'italia (1861) il castello fu lasciato in uno stato di abbandono, perché non era più ritenuto utile per fini militari.

Nel 1927 lo stato lo concesse all'ente del reale orfanotrofio militare, quindi fu di nuovo restaurato e l'aspetto fu di nuovo modificato.

Durante la seconda guerra mondiale fu utilizzato come carcere per i prigionieri di guerra.

Nel 1975 l'ente dell'orfanotrofio militare si sciolse e quindi abbandonò il castello.

La concessione passò poi alla regione Campania, che nel 1980 accolse all'interno alcune famiglie vittime del terremoto dell'Irpinia del 1980.

Castello di Baia: foto panoramiche e dell'intera fortezza

Storia del Museo archeologico dei Campi Flegrei

Nel 1984 il castello di Baia passò alla Soprintendenza Archeologica di Napoli e di Caserta che lo fece diventare sede del Museo archeologico dei Campi Flegrei, nel quale sono esposti tutti i reperti archeologici ritrovati:
• a Cuma,
• nel Parco sommerso di Baia (vecchio porto julius del I sec. d.C., il porto che collegava Roma con l'oriente),
• nel Rione terra (la città fantasma di pozzuoli)
• nel parco archeologico delle terme di Baia
• a Liternum (luogo dove Scipione l'Africano passò gli ultimi giorni di vita).
Il castello aragonese di Baia fu scelto come sede del museo archeologico dei Campi Flegrei proprio perché la sua posizione era centrale e non molto lontano dai siti archeologici citati sopra.

Museo archeologico dei Campi Flegrei: foto di alcuni reperti

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.