La Reggia di Caserta, un pò di storia e tante foto

Il Palazzo reale di Caserta, la forma e le dimensioni

palazzo reale di Caserta

Il palazzo Reale di Casera ha una dimensione di 61 mila metri quadrati con quattro cortili interni.  E' alto più di 40 metri e si sviluppa su 5 piani (ompreso 2 sotterranei).

La Reggia di Caserta e il meraviglioso scalone d' onore

reggia di caserta

Le 3 statue dello scalone d'onore. Da sinistra: il Merito, raffigurato con un giovane incoronato d'alloro, la Maestà Regia, ovvero Carlo di Borbone e infine la verità che, con la sua luce illumina anche le cose invisibili.

Il palazzo reale di Caserta e la sala del trono

palazzo reale di caserta

La sala del trono della Reggia di Caserta ha una lunghezza di circa 40 metri e con l'illuminazione di 6 finestre viene messo in risalto la doratura delle pareti e del soffitto. In alto, nella volta, è difficile non notare il bellissimo affresco di Gennaro Maldarelli: la posa della prima pietra del palazzo reale.

La reggia di Caserta: la fontana di Venere e Diana

reggia di caserta

La statua di Venere e Adone.
Il poeta romano Ovidio narra la storia tra Venere che, colpita per errore da una freccia di Cupido, si innamorò follemente di Adone, un giovane cacciatore. Il racconto però finì in tragedia: l'uomo morì durante una battuta di caccia con la divinità romana in lacrime per non essere riuscita a salvarlo.

La reggia di Caserta con una raccolta di foto e tanti consigli.

Il palazzo reale di Caserta, la residenza reale dei Borboni e la decisione del re Carlo di Borbone di far costruire una reggia bella quanto quella dei suoi cugini francesi, la maestosa Versailles. 

se ranking

La sala del trono

La sala del trono

Dove si trova la reggia di Caserta

La reggia di Caserta è situata nell'omonima città, circa 25 kim da Napoli. Per raggiungerla in treno di trenitalia, bisogna scendere alla fermata di Caserta.  Quindi fuori la stazione è sufficiente attraversare la piazza Carlo III e sarete giunti a destinazione.

In auto, c'è un parcheggio adiacente la Reggia di Caserta.  Clicca qui per arrivare al parcheggio.

La forma e le dimensioni della reggia di Caserta.

Il palazzo reale di Caserta è stato realizzato in stile barocco e con le sue 1200 stanze forma un rettangolo di circa 47.000 m². La costruzione continua anche al suo interno formando una croce e 4 ampi cortili con un’area di circa 3.800 m² ciascuno. 
La forma dell’intero complesso, cioè il palazzo con i suoi giardini è molto suggestiva, foto scattate dall’alto danno l'impressione di guardare un immenso violino. 

reggia caserta violino

La Reggia di caserta e il suo aspetto, simile a quello di un violino (Fonte foto: screenshot da Google Map)

La Reggia di Caserta: patrimonio dell' Unesco

La reggia di Caserta, il maestoso palazzo con i suoi stupendi giardini, è tra le residenze reali più grandi al mondo che, dal 1997 è stata inserita nel patrimonio dell'umanità dell'Unesco.

fontanta venere adone

La fontana di Venere e Adone

La storia della Reggia di Caserta

Il re Carlo di Bornone diede il compito di realizzare la maestosa residenza all'architetto Luigi Vanvitelli che iniziò i lavori nel 1751.

Nel 1759 Carlo di Borbone divenne Carlo III re di Spagna e lasciò il regno di Napoli per regnare nel paese iberico. Gli succede il figlio Ferdinando IV che, continuò l'opera abbellendola sempre di più.
L'architetto Luigi Vanvitelli ci lavorò per anni, fino alla sua morte avvenuta nel 1773. Da quel momento ci furono altri architetti a seguire i lavori della reggia di Caserta: tra i quali il figlio Carlo. Fu poi completata dall'architetto Gaetano Genovese nel 1848.
La reggia di Caserta è stata terminata nel 1845 e anche se i lavori cominciarono nel 1751, il palazzo era già abitato dal 1780.

affresco sala del trono

Dipindo della sala del Trono: la posa della prima pietra della reggia

La reggia di Caserta e la repubblica Partenopea

Nel 1799 nacque la Repubblica Partenopea. La reggia di Caserta e altre proprietà furono espropriate ai Borboni. Vennero anche rubate molte opere, oggetti preziosi e mobili di gran valore.

La reggia di Caserta e Napoleone Bonaparte.

Nel 1806 Napoleone conquistò il regno di Napoli e nominò suo fratello Giuseppe nuovo re, il quale fece del palazzo reale la sua nuova residenza.

Nel 1808 Napoleone conquistò anche la Spagna, che aveva bisogno di un nuovo sovrano. Il fratello di Napoleone, lasciò quindi il regno di napoletano per quello spagnolo.
Come nuovo re partenopeo, Napoleone nominò il generale Gioacchino Murat (suo cognato), il quale anch'essi scelse di risiedere nella maestosa reggia di Caserta.

Tra il 18 settembre del 1814 al 9 giugno del 1815 ci fu il congresso di Vienna: una riunione, tra le principali potenze europee, per ripristinare l'antico regime dei Valois e dei Borboni dopo le conquiste napoleoniche.

Nacque così il regno delle 2 Sicilie e fu dato potere regnante alla famiglia dei Borboni, con Ferdinando I delle due Sicilie (ex re di Napoli: Ferdinando IV di Borbone)

In questo periodo fu recuperato la maggior parte di ciò che fu rubato durante la repubblica partenopea.

La regina Maria Carolina d'Austria consorte del re Ferdinando I delle 2 Sicilie si occupò di restaurare il Palazzo reale

La Reggia di Caserta da questo momento divenne residenza di caccia del re borbone. 

La Reggia di Caserta da questo momento divenne residenza di caccia del re borbone.

Tra il 1859 con la seconda guerra di indipendenza e il 1961 con la spedizione dei mille in Sicilia, l’Italia raggiunse l’unità: Vittorio Emanuele II sovrano del regno di Sardegna conquistò tutta la penisola diventando il nuovo re proclamando il regno d’Italia. Il palazzo reale di Caserta venne usata occasionalmente dai nuovi reali, fino a quando Emanuele III nel 1919 la cedette allo stato italiano.

Tante foto della Reggia di Caserta e dell'intero Parco reale.

Di seguito alcuni video di youtube tour virtuali di Google per vedere le stanze e nei giardini della reggia di Caserta.

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.